l'equilibrio della dieta

cibo: alimentazione yoga

yoga e alimentazione

Non è più solo una prerogativa della medicina tradizionale cinese correlare gli stati d’animo agli organi.
Per esempio, la rabbia con il fegato, la paura con i reni, il pessimismo con l’intestino, la frustrazione con lo stomaco, la tristezza con i polmoni, la freddezza con il cuore, la chiusura con la milza e la sfiducia con il pancreas…

UN PIATTO DI MIGLIO CI SALVERA’

In questo periodo tutti noi vorremmo avere un sistema immunitario invincibile che possa combattere questo virus a forma di corona che ci pare terribile; ma è un virus, un parassita che si annida in ambienti acidi e stagnanti e che può moltiplicarsi se le condizioni...

CIBO D’AUTUNNO

Stiamo entrando nella stagione autunnale, tra poco dovremo fare il cambio dell’armadio ma anche il cambio della dispensa/frigorifero.  E’ fondamentale, più che mai in questa fase dell’anno, modificare le proprie abitudini alimentari. Quando fa caldo il corpo deve...

Il cibo e le emozioni

Secondo l’antica medicina greca e la medicina tradizionale cinese, così come per altri sistemi medici orientali, gli organi interni sono considerati la sede delle emozioni e risultano influenzati da esse; spesso può accadere, al contrario, che la disarmonia di un...

Se l’organo continua a essere in deficit, la mente ne subisce le conseguenze emozionali; il riequilibrio fisico consentirà una progressiva riappropriazione dell’equilibrio emozionale.

Per questo riequilibrio uno dei primi passi è quello di affrontare con consapevolezza il modo di alimentarsi.
Il cibo è lo strumento più importante per cambiare le condizioni del nostro corpo in quanto prodotto di ciò che mangiamo.
Ecco il motivo dell’importanza tra lo yoga e l’alimentazione.
Infatti nella tradizione yogica i cibi sono divisi in tre grosse categorie: i cibi sattvici (cereali, verdure e alcuni legumi) che favoriscono un’attitudine mentale chiara e luminosa, i cibi rajasici (caffè, tè, spezie, cibi piccanti e amari) che inducono la reattività e l’aggressività e i cibi tamasici (alimenti di origine animale, conservati e grassi) che portano all’inerzia, condizione da cui è facile scivolare nella depressione.

Se l’alimentazione non è in equilibrio con il nostro ambiente e stile di vita, si creeranno eccessi o carenze responsabili dell’insorgere di malesseri.

Malesseri quali stanchezza, affaticamento cronico, dolori, rigidità fino ad arrivare alla degenerazione dell’organismo. Il sangue che fluisce nei tessuti deve essere pulito, ricco di energia e carica vitale, altrimenti un flusso pieno di grassi, sostanze chimiche e altri eccessi provocherà nel tempo un appesantimento generale e deleterio.

Per prevenire e combattere confusione mentale ed emozioni negative, è consigliabile consumare in prevalenza cibi sattvici (ricchi di energia vitale) come ortaggi e frutta di stagione, cereali integrali. Da evitare o ridurre moltissimo invece, i cibi animali: carne, uova, formaggi, latticini e pesce. Inoltre zucchero e dolci, compresi zucchero di canna, miele, fruttosio e dolcificanti integrali.

La difficoltà di gestione delle emozioni, dei pensieri e del corpo fisico si può veramente trasformare attraverso un’alimentazione naturale corretta.

contattami

6 + 4 =